Acconciatura per la scuola

La rapida soppressione di un'esplosione, anche nella sua fase di base della disseminazione, è un elemento efficace per proteggere i dispositivi industriali in cui si verifica un'esplosione, in uno spazio chiuso o non completamente contenuto. Rilevare rapidamente l'aumento di pressione negli strumenti è uno dei fattori di base che consente di evitare un'esplosione.

http://englishcourse.pl/ithealthymode/grey-blocker-un-modo-per-ingrigire-i-capelli/

Il compito principale del sistema HRD è di contrastare l'emergere di alta pressione durante un'esplosione, grazie alla quale la distruzione nell'impianto si riduce, i tempi di fermo sono ridotti e, soprattutto, aumenta la sicurezza delle persone. Il sistema HRD è raccomandato per la protezione di serbatoi e silos contenenti sostanze in polvere, mulini, agitatori, impianti di filtrazione, essiccatori e molti dispositivi industriali simili.Ogni sistema, per funzionare correttamente e facilmente, dovrebbe ruotare con elementi speciali, come sensori di pressione e ottici installati nelle macchine e nei capannoni di produzione, un sistema di controllo e una bottiglia hrd contenente sostanza estinguente.Il metodo di trattamento consiste in dimensioni e indicazioni e una reazione ampia e corretta. Il rilevamento dell'esplosione viene effettuato utilizzando sensori di pressione, rilevatori di scintilla e fiamme. Quando appare una fiamma o scintille, o quando l'aumento di pressione supera il campo di sicurezza massimo accettabile, il messaggio viene immediatamente inviato al centro di gestione, che garantisce la conversione dell'annuncio e, se necessario, l'apertura istantanea del cilindro contenente la sostanza chimica. Dopo l'avvio dell'operazione da parte dell'organismo di controllo, i prodotti chimici di estinzione vengono spruzzati attraverso l'uso di ugelli speciali, il che si traduce in una soppressione molto lunga ed efficace dell'esplosione. La caratteristica più importante che caratterizza il sistema HRD è il periodo di reazione, che viene calcolato in millisecondi dal momento in cui viene rilevato l'aumento di pressione all'atomizzazione.